• Tim Braithwaite

Lorenzo Penna’s Advice for Singing Canto Figurato (1672):

Updated: Jan 14

'Sometimes the composition, particularly in the capella, is made up of half and whole notes, that is to say, of one or more beats, which if they are sometimes diminished, have a very beautiful effect. It would be good, however, to make some movimenti upon them by breaking the whole notes into smaller ones without altering the length of the note which is written.


For example, if one has to sing the word Amen on two notes of a single beat, each making a leap of a third, such as Re to Fa, and, wanting to make movimenti on the first note, which is the Re, one will break it with into four quarter notes: Re, Do, Re, Mi, and end on the second note, which is Fa. Here is the example




Some words of warning to follow, and others for beginners of figured singing to avoid…


1. That, when singing together, the voice of one does not exceed that of the other. Instead, one should strive to manage it in such a way that it is neither louder nor softer than those of the group.


2. Do not be boastful but instead content yourself only with reading and dividing the notes, in order not to make mistakes.


3. Do not twist the waist, the head, the eyes, the mouth, etc., because this looks bad.

4. Do not sing through the nose, between teeth, or in the throat.


5. Sing in tune with some mordents, accenti, grace, etc. and if one naturally possesses a trill, or gorga, use it with much modesty, and not on every note, and if one does not have it through nature, try to acquire it through artifice.


6. Give spirit to the notes and to the words, making them well articulated and understood.


7. If two singers have gorghe, or trills, let them do them one after the other, imitating each other, and not both at the same time.


8. In order for the five vowels to be pronounced with a proportionate opening of the mouth, it must be noted that, for the A [vowel], the mouth opens a little less than the width of three fingers one above the other; For the E, just under two; For the I, a [single] finger; For the O, three fingers; For the U, a single finger.

9. Do not make passages or movimenti upon the two Vowels I and U.

10. Count the beats with the mind, or at least quietly, so as not to disturb the ensemble.


11. Accompany the words, as discussed in the eighteenth chapter. That is to say, sing cheerfully if the words are cheerful; if they are lively and spirited, sing in a lively and spirited manner. If they are words of grief, pain, troubles, etc. one should sing sadly and languidly.


12. And finally, go to hear music as often as possible, in particular when there are good singers, because we always learn a lot, and if nothing else, you learn style, sweetness, accenti, grace, etc., [in other words,] to sing well.


And this is enough for beginners to figured singing.

Alle volte la Composizione, particolarmente à Capella, è fatta di Note bianche, e grosse, cioè di una, ò più Battute, che rompendole alcuna volta, fanno bellissimo effetto, però sarebbe bene, farci sopra qualche movimento, col spezzare le Note grosse, e farne di minute, senza perdere il Tempo della Nota, che stà scritta, come sarebbe à dire, hà da cantare questa Parola Amen, con due Note di una battuta per ciaschenduna e fanno il salto di terza, cioè: Re Fa, volendo far movimento sopra la prima Nota, che è il Re, potrà romperla con quattro semiminime, che dicono Re, Do, Re, Mi, e finischino nella seconda Nota, che è il Fa; Eccone l'esempio.



Alcuni avertmenti da seguirsi, & altri da fuggirsi dalli Principianti del Canto Figurato…


1. Che Cantando in Compagnia, la voce di uno, non superi quella dell'altro, mà si sforzi di uguagliarda in modo, che non sia più forte, ne più piano di quella del Compagno.


2. Non Vanti da sè, contentandosi solamente di legger le Note, e di spartirle, e questo si fà per non dare in voci false.


3. Non facci sfortimenti di vita, di testa, d'occhi, di bocca, &c., perche fanno brutto vedere.


4. Non Canti nel Naso, ò trà denti, ò nella gola.


5. Canti giusto con qualche Mordente, Accento, Gratia, &c. e se hà naturalmente il Trillo, ò Gorga, la ponga in opera con molte modestia, senza farla à tutte le Note, e se non l'hà naturale, procuri con l'artifizio di farne acquisto.


6. Dia spirito alle Note, come alle Parole, facendole bene spiccare e ben intendere.


7. Se due Parti hanno le Gorghe, ò Trilli, li facino uno dopo l'altro, e non tutti due insieme, immitandosi nelle chiamate l'un l'altro.

8. Acciò le cinque lettere Vocali siano proferite con apprimento di bocca à proporzione, devano avertire, che all'A s'apre la bocca per l'estremità poco meno di trè dita uno sopra l'altro; All'E. per estremità poco meno di due; All'I. di un dito; All'O. di tre dita; All'U di un sol dito.


9. Non facci passaggi, nè movimenti sù le due Vocali I., & U.


10. Numeri le Battute con la mente, ò almeno piano, per non disturbare il Compagno.


11. Accompagni le parole, come si è toccato nel Capitolo Decom'ottavo; cioè canti allegro, se le parole sono allegre, se vivaci, e spirituose, canti spirituoso, e vivace, se di dolori, pene, affanni, &c. canti dolente, e languido.


12. Et ultimo vadi più che può alle Musiche, massime dove sono buoni Cantori, perche sempre fracquista, e se non altro, s'impara il modo, la dolcezza, gli accenti, la gratia, &c. di ben cantare.


E tanto basti alli Pricipianti di cantare Figuratamente.

————————————————————————————————————————————————————————————

*Notes*

Lorenzo Penna, Li Primi Albori Musicali per Li Principianti Della Musica Figurata (1672; repr., Bologna: Giacomo Monti, 1679). My translation.


Translations into French and German can be found here: http://bassus-generalis.org/penna/penna1.html


Below is a rather splendid representation of the Guidonian Hand from the same treatise, an unusually late, although not of course unique, example of a tool particularly associated with the fifteenth and sixteenth centuries.


https://www.facebook.com/groups/433341233928374/permalink/993031121292713/


50 views0 comments